Ritorna alla pagina principale



Le gocce

di

Cris


Angelica osservava le goccioline d'acqua scorrere sui vetri della finestra, una per una, tante piccole sfere di cristallo dove lei vedeva i suoi sogni di bambina.
In una vedeva il suo futuro di ballerina: lei, trionfante sul palcoscenico, sommersa da centinaia di rose rosse; in un'altra si vedeva, sposa felice, curare il giardino, in un'altra con tre bei bambini. Seguiva le piccole gocce con gli occhi un po' storti, gi¨, gi¨ fino a che non si univano ad altre e non cadevano sul davanzale, formando una piccola pozza, dove le immagini si confondevano l'una con l'altra. Cosý passava le giornate di pioggia, quando non poteva giocare in cortile.
Un giorno not˛ che una delle gocce era scura, forse a causa della polvere sul vetro. Dentro non riusciva a vedere niente. And˛ a prendere la lente di suo padre. Nulla. Quando ad un certo punto, la goccia ingranditasi si fece ancora pi¨ nera, Angelica si spavent˛ e pens˛ che nel suo futuro sarebbe accaduto qualcosa di brutto. Allora si mise a piangere, con le mani sulla maniglia. Intanto la goccia rimaneva lý, ferma, sul vetro, e non scivolava.
All'improvviso spunt˛ il sole, forte e caldo, che asciug˛ all'istante tutte le gocce. Anche quella nera era scomparsa... Sorridente Angelica se ne and˛ a giocare in cortile.

(Tratta da "Il Giornalino - Primo Conto" della Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza)


Ritorna alle favole di Cris&Franz

Ritorna alla pagina principale