Ritorna alla pagina principale



IN DIALETTO


Abbiamo ricevuto un bel numero di filastrocche e una conta in dialetto, originarie di varie parti d'Italia. Ecco allora una pagina a loro dedicata che affianchiamo alla pagina delle filastrocche, alla pagina delle conte e alla pagina degli scioglilingua diciamo "in italiano".
Alcune ne hanno pi bisogno, altre meno, ma purtroppo non di tutte abbiamo la traduzione; speriamo che nessuno di voi abbia problemi. Buon divertimento!
 

  
La cantilena in dialetto romagnolo...

STACIA BUNACIA

Stacia bunacia,
e ba' l' 'ndend a cacia,
l'ha mazed una bicacia,
la bicacia l'era poca,
l'ha mazed 'nche la cioca
la cioca cui plinin...
Botlii gi ma che burdlin!!!!!!!

  
...e la traduzione

STACIA BUNACIA (intraducibile)

Stacia bunacia,
il babbo andato a caccia,
ha ammazzato una beccaccia,
la beccaccia era poca,
ha ammazzato anche la chioccia,
la chioccia con i pulcini...
Buttalo gi quel bambino!!!!!!!

(ricevuta da Giusi)

 
  
Filastrocca in dialetto lombardo...

PIRULIN CHE PIRULAVA

Pirulin che pirulava
sensa gambe el caminava
sensa culo si sedeva
pirulin come el faseva?

  
...e la traduzione

PIRULIN CHE PIRULAVA

Pirulin che pirulava
senza gambe camminava
senza culo si sedeva
Pirulin come faceva?

(ricevuta da Antonella)

 
 
La conta in dialetto lombardo...

PIN PIN CAVALIN

Pin pin cavalin
sut al pe' del taulin
pan pos pan fresch'
m'induini cal' quest

 
...e la traduzione

HOP HOP CAVALLINO

Hop hop cavallino
sotto alla gamba del tavolo
pane secco pane fresco
io indovino che questo

(ricevuta da Antonella)

 
 
Filastrocca in dialetto veneto...

NANNA CUNATTA

Nanna cunatta,
i spini par la gatta,
gli ossi pai cani,
i fasioi par i Furlani,
el mejo par gli usei,
la pappa pai putei.

 
...e la traduzione

NANNA CUNATTA

Nanna cunatta,
gli spini per la gatta
gli ossi per i cani,
i fagioli per i friulani,
il meglio per gli uccelli,
la pappa per i bambini.

(ricevuta da Carlo)

 
  
Nenia in dialetto milanese...

FERA FERA CAVALIN

Fera Fera Cavalin
che duman l' San Martin
San Martin l' gem pas
Cavalin l' gem fer

  
...e la traduzione

FERRA FERRA IL CAVALLINO

Ferra ferra il cavallino
che domani San Martino
San Martino gi passato
il cavallino gi ferrato

(ricevuta da Stefano)

 
 
Filastrocca di origine trevigiana...

TROTTA CAVALLO BISO

Trotta cavallo biso
con un trotto va a Treviso
con un trotto va a casteo
trotta cavallo beo

 
...e la traduzione

TROTTA CAVALLO BISO

Trotta cavallo bigio
con un trotto va a Treviso
con un trotto va al castello
trotta cavallo bello

(ricevuta da Fabiana)

 
 
La filastrocca in dialetto di S.Quirino
(Pordenone)...

DIN DON CIAMPANON

Din don ciampanon
le ciampane de mason
una fila, una daspa,
una fa il pipin de pasta,
una prea par san Vit
ca ie puarte un bon marit.

Marit, marit de Fransa
prestame sta balansa
che pese sto capot
che ciante d e nuot.

Cianta, cianta rusignoul
la pi bela non me vou,
la pi bruta non me plas
la pi pisula a rot il nas!

 
 
...e la traduzione

DIN DON CAMPANONE

Din don campanone
le campane di Mason (via del paese)
una fila
una fa la pasta
una prega S.Vito
che gli porti un buon marito.

Marito, marito di Francia
prestatemi questa bilancia
che peso questo cappotto
che canto giorno e notte.

Canta, canta l'usignolo
la pi bella non mi vuole
la pi brutta non mi piace
la pi piccola ha il naso rotto!

(ricevuta da Roberta)

 
 
"Io conosco una versione pi lunga della
filastrocca "Le campane del Mason".
che ricalca la filastrocca del "volta la carta"
presente un po' in tutta Italia, e che mia nonna
(di Malo, provincia di Vicenza) cantava a mio
padre, lui a me e io a mio figlio." Gigi

LE CAMPANE DEL MASON

Din don, campann
le campane del Masn
le sonava d e note
le bateva z le porte
Ma le porte xera de fero
volta la carta ghe xe un caplo
un caplo pien de piova
volta la carta ghe xe 'na rosa
na rosa che s de bn
volta la carta ghe xe un limon
un limon massa fato
volta la carta ghe xe un mto
un mato da ligre
volta la carta ghe xe un mare
un mare una marina
volta la carta ghe xe 'na galina
na galina che f cocod
volta la carta ghe xe un re
un rea, un rearo
volta la carta ghe xe un perro
un perro che fa i piri
volta la carta ghe xe d sbiri
du sbiri che tr de cao
volta la carta ghe xe un pao
un pao col colo rosso
volta la carta ghe xe un psso
un posso pien de acqua
volta la carta ghe xe una gata
una gata con du gati
volta la carta ghe xe tri putei
tre puti va al'osteria
volta la carta, la xe fina.

  

  

  

...e la traduzione

LE CAMPANE DI MASON

Din don, campanone
le campane di Mason (il paese di Mason Vicentino)
suonavano notte e giorno
che buttavano gi le porte
ma le porte erano di ferro
volta la carta, c' un cappello
un cappello pieno di pioggia
volta la carta c' una rosa
una rosa che profuma
volta la carta c' un limone
un limone troppo maturo
volta la carte c' un matto
un matto da legare
volta la carta, c' un mare
un mare, una marina
volta la carta c' una gallina
una gallina che f coccod
volta la carte c' un re
un re con un regno
volta la carta c' un albero di pere
un albero di pere che fa le pere
volta la carta ci sono due sbirri
due sbirri che camminano di traverso
volta la carta c' un tacchino
un tacchino con il collo rosso
volta la carta e c' un pozzo
un pozzo pieno d'acqua
volta la carta e c' una gatta
una gatta con due gattini
volta la carta ci sono tre bambini
tre bambini vanno all'osteria
volta la carta ed finita...

(ricevuta da Gigi)

 
 
La canzoncina di Leffe (Bergamo)...

NOTER DE BERGHEM

Notr de Berghem, de Berghem de sura
a la forchta 'nghe diss ol pir.

E ch l' la m c, ch
e ch comande m, ch
oi sa ci a e ci , ch
so m 'l padr.

Notr de Berghem, de Berghem de sura
all'rinare 'nghe diss ol pitl.

E ch l' la m c, ch
e ch comande m, ch
oi sa ci a e ci , ch
so m 'l padr.

 
...e la traduzione

NOI DI BERGAMO

Noi di Bergamo, di Bergamo di sopra
la forchetta la chiamiamo il "pir".

E qui la mia casa, qui
e qui comando io, qui
voglio sapere chi va e chi viene, qui
sono io il padrone.

Noi di Bergamo, di Bergamo di sopra
il vasino da notte lo chiamiamo il "pitl".

E qui la mia casa, qui
e qui comando io, qui
voglio sapere chi va e chi viene, qui
sono io il padrone.

(ricevuta da Luisa)

 
 
La filastrocca di Leffe (Bergamo)...

SINSETA LA FURVESETA

Sinsta la furvesta
tr quatr a fala mul,
tcc i suldcc i v a mangi
pucc.....aaaaahm, pa' e salm

 
...e la traduzione

SINSETA LA FORBICINA

Sinsta la forbicina
tre quattrini a farla affilare
tutti i soldati vengono a mangiare
pucc....aaaaahm, pane e salame.

Sinsta = onomatopeico che richiama il suono della mola sulla lana.

(ricevuta da Luisa)

 
 
Un'altra versione della filastrocca di Leffe
ricevuta da una visitatrice milanese
(se trovate errori segnalateli!)...

ZIN ZETTA FURBESETTA

Zin zetta furbesetta
cinc quatrin fala mul
salta foera il suldarin
suldarin l' dr a marci
dr a marci n'una manera
el galet in capunera!

 


...e la traduzione

ZIN ZETTA LA FORBICINA

Zin zetta forbicina
cinque soldi per farla molare
salta fuori un soldatino
il soldatino sta marciando
sta marciando in una maniera
(sembra) un galletto nel pollaio!

(ricevuta da Paola)

 
 
Filastrocca di origine veneta

SIOR INTENTO

La storia del sior intento,
che dura molto tempo,
che mai la se destrica
vui che te la conta ho te la dica?
..................................
dimmela?
La storia del sior intento che dura molto tempo
che mai la se destrica vuoi che te la conti ho
te la dica?
..........................................................
contamela
La storia del sior intento che dura molto tempo
che mai la se destrica vuoi che te la conti ho
te la dica?
..........................................

Note: destrica = dica; contare vuole anche dire raccontare

(ricevuta da Marcella)

Nota di Angelo
La parola "destriga" o "destrica" nel dialetto trevisano significa "metti a posto" e credo derivi dal
comando militare "Dest Riga".

 
 
La filastrocca popolare in dialetto di Mesola
(delta del Po, provincia di Ferrara)...

A LET A LET FOLGA

A let a let folga
Set a sin lieva
Set a sin colga
Set a la stala
A badar a la cavala
Set al stalin
A badar al cavalin
Zvanin l' un birichin

 
  
...e la traduzione

A LETTO A LETTO FOLGA

A letto a letto folga (intraducibile)
Sette si alzano
Sette si coricano
Sette nella stalla
A badare alla cavalla
Sette nella stalla piccola
A badare al cavallino
Giovannino un biricchino

(ricevuta da Nada)

 
 
Scioglilingua in dialetto milanese...

BAGAT

"Ti che te tachet i tac
tacum i tac"

"Tacat i tac a ti che te tachet i tac?
Tacati ti i to tac"

 
...e la traduzione

CIABATTINO

"Tu che attacchi i tacchi
attaccami i tacchi"

"Attaccare i tacchi a te che attacchi i tacchi?
Attaccateli tu i tuoi tacchi"

(ricevuta da Rogavira)

 
 
Lo stesso scioglilingua nella versione in dialetto di Leffe (Bergamo)

TECHET I TACH

"Te, me techet i tach?"

"Me tecat i tach a te che te techet i tach?
Techetei te i to tach, te che te techet i tach"

 
  
...e la traduzione

ATTACCA I TACCHI

"Tu mi attacchi i tacchi?

"Io attaccare i tacchi a te che attacchi i tacchi?
Attaccateli tu i tuoi tacchi, tu che attacchi i tacchi"

(ricevuta da Luisa)

 
 
E ancora la versione in dialetto romagnolo

TAC UN TAC

"Oh Tac, tum tac un tac?"

"Me no che'n te le tac;
tu voi che't tac i tac a te
che te tu tac i tac?"

 
...e la traduzione

ATTACCA UN TACCO

"O Tacco, mi attacchi un tacco?"

"Io no che non te lo attacco;
vuoi che ti attacchi i tacchi a te
che te attacchi i tacchi?"

(ricevuta da Maicol)

 
 
La filastrocca in dialetto milanese...

CRAPA PELADA

Crapa pelada l'ha fa' i turtei
ghe ne da minga ai so fradei
i so fradei han fa la fritada
ghe ne dan minga a crapa pelada.

 
...e la traduzione

CRAPA PELATA

Crapa pelata ha fatto i tortelli
non li da' ai suoi fratelli
i suoi fratelli han fatto la frittata
non ne danno a crapa pelata.

(ricevuta da Camilla)

 
 
La filastrocca in dialetto veneto...

DIME E DAME

Dime e Dame
jera do fradei
uno faseva a malta
e l'altro i quarei
qual' il pi bravo
Dime o Dame?

(Se si risponde Dime si ripete la filastrocca,
se si risponde Dame si d uno schiaffetto)

 
...e la traduzione

DIME E DAME

Dime e Dame
erano due fratelli
uno faceva la malta
e l'altro i quadrelli
quel' il pi bravo
Dime o Dame?

(Dime significa dimmi,
Dame significa dammi)

(ricevuta da Laura)

 
 
La filastrocca in dialetto bellunese,
della zona di Arsi...

TINO TONO

Tino Tono fa barte
se le cava e se le mte
se le mete dro a 'n cantn
Tino Tono pantaln

 
 
...e la traduzione

TINO TONO

Tino Tono fa berretti
se li toglie e se li mette
se li mette dietro un angolo
Tino Tono "stupidotto"

(ricevuta da Misia)

 
 
La filastrocca in dialetto piacentino...

TROTTA TROTTA CAVALON

Trotta trotta cavalon
porta al sac al me padron
al me padron le mia a ca'
ciappa al sac
e tragal l !

 
...e la traduzione

TROTTA TROTTA CAVALLONE

Trotta trotta cavallone
porta il sacco al mio padrone
il mio padrone non in casa
prendi il sacco
e buttalo l

(ricevuta da Marzia)

 
 
La filastrocca in dialetto triestino...

GHIRI GHIRI

Ghiri ghiri gaia martin xe sulla
paia paia paietta cic una 'sciafetta

 
...e la traduzione

GHIRI GHIRI

!!! Siamo in attesa: AIUTATECI!!!

(ricevuta da Barbara)

 
GHIRI GHIRI

Ghiri ghiri'n gaia Martin xe sulla paia
paia paietta ciapa una pacheta

 
GHIRI GHIRI

Ghiri ghiri'n gaia Martin sulla paglia,
paglia paglietta, prendi una pacchetta

Nota: si prende il palmo della mano del bambino, l'indice fa dei cerchi sul palmo, e al momento giusto si da' uno schiaffetto

(ricevuta da Arianna)

 
 
Lo scioglilingua in dialetto sardo,
della zona di Cagliari...

EU OI

Eu oi oa
u ou e u oa.

 
 
...e la traduzione

IO OGGI

Io oggi vorrei
un uovo e un'oliva.

(ricevuta da Sabrina)

 
 
In dialetto della provincia di Treviso...

STORIA MEMORIA

Storia memoria
neta Beb
salta ea siesa
e bevi caf.

Storia memoria
Bessega Loria
Ramon Poiana
un salto de rana
un salto de pesse
Stefano perde e braghese.

 
...e traduzione

STORIA MEMORIA

Storia memoria
pulisci il bambino
salta la siepe
e bevi caff.

Storia memoria
Nomi di paesi
Nomi di paesi
un salto di rana
un salto di pesce
Nome perde i pantaloni

(ricevuto da Angelo)

 
 
In dialetto della provincia di Treviso...

PITIN E PITELE

Pitin e pitele
ie 'n dati a nosele
Pitin le catava
Pitele le magnava
Sentai su na fassina de spin
tuti do i beveva un goto de vin

 
...e traduzione

PITIN E PITELE

Pitin e pitele
sono andati a nocciole
Pitin le trovava
Pitele le mangiava
seduti su un fascio di spini
entrambi bebevano un bicchiere di vino

(ricevuto da Angelo)

 
 
In dialetto della provincia di Treviso...

COME FA IL TRENO.........

Son stuf, son strac,
son stuf, son strac,
son stuf, son strac
no ghen pose
piiiiiiiiiiiiiiiii

 
...e traduzione

COME FA IL TRENO.........

Sono stufo, sono stanco,
sono stufo, sono stanco,
sono stufo, sono stanco,
non ne posso
pi

(ricevuto da Angelo)

 
 
Scioglilingua in dialetto friulano...

A L'ERE UN NIT

A l'ere un nit di quinquantricule
cun quarantevot quninquantriculus
quand che a quinquantricule quninquantriculava
duich i quarantevot quinquantriculus quinquantriculavin.

(ricevuto da Angelo)

 
 
In dialetto della provincia di Treviso...

CONTE BISONTE

Conte bisonte
coe braghese onte
col capel de paia
Conte l' na canaja.

 
...e traduzione

CONTE BISONTE

Conte bisonte
con le braghe unte
con il cappello di paglia
il conte una canaglia.

(ricevuto da Angelo)

 
 
In dialetto della provincia di Treviso...

VAE SU

Vae su par na stradea storta
cate na caoreta morta
coa pee me vestiso
coa carne me impasiso
coe buee faso tante de cordee
coe rece faso tante de tece
coi oci faso tanti de goti.
Vae su par a riva del mar
e me tache a baiar
vien fora un vecio zot
el me moea do sberlot
e me rece pisa sangue
e mi via coe me gambe.

 
...e traduzione

VADO SU

Vado su per una strada storta
trovo una capretta morta
con la pelle mi vesto
con lacarne mi nutro
con le budella faccio corde
con gli orecchi faccio teglie
con gli occhi faccio bicchieri.
Vado su per la riva del mare
incomincio a urlare
esce un vecchio zoppo
mi da due ceffoni
mi esce sangue dalle orecchie
scappo a gambe levate.

(ricevuto da Angelo)

 
 
Conta in dialetto trevigiano...

SECIO SECEO

Secio seceo
Co l'oro pi beo
Co l'oro pi fin
Conta marin
Tre naranze
Tre limoni
Per mandarlo in pescaria
Cipelo ciapelo mandelo via
Bit bet un bot
Mandelo via che l' zot.

(ricevuto da Angelo)

 
 
In dialetto della provincia di Treviso...

MAN MAN MORTA

Man man morta
petoea de oca
petoea de gnel
daghe na sc'iafa
a to fradel.

 
...e traduzione

MANO MANO MORTA

Mano mano morta
cacca di oca
cacca di agnello
Dai una sberla
a tuo fratello

Nota: petoea sta per cacca animale

(ricevuto da Angelo)

 
 
In dialetto della provincia di Treviso...

MANINA BELA

manina bela
fata a penela
dove setu stata
dalla nona
cosa etu magn
puenta e late
gate gate gateee!!!!!

 
...e traduzione

MANINA BELLA

Manina bella
fatta a pennello
dove sei stata
dalla nonna
cos'hai mangiato
polenta e latte
gate gate gateee!!!!!

(ricevuto da Angelo)

 
 
In dialetto della provincia di Treviso...

PIOVE PIOVESINA

Piove piovesina
la gatta va in cusina
a broars le squele
a lava le pi bele
a rompe le pi brute
par maridar ste pute.

 
...e traduzione

PIOGGIA PIOGGERELLINA

Pioggia pioggerellina
la gatta va in cucina
a lavare le scodelle
lava le pi belle
rompe le pi brutte
per sposare queste ragazze.

(ricevuto da Angelo)

 
 
La storia in dialetto veneto...

QUESTA MATINA

Questa matina me son lev su,
ho strus gi, ho spass gi,
me son messa la giaca del bel,
le scarpe col tach;
son and a messa, ho ciap messa;
son and sul ponte a veder la bela C (*).
Ho incontr me moroso vecio, so fradel de Toni,
che el m'ha dito:
"Ciao, Finarl (**), cossa fetu l?"
"Fo quel che fo!"
"Io ti bacerei", e mi baci.
"Ah bruto birbantagine!
Ander da mio padre
e ghe lo ander a contar".

"Caro pap,
questa matina me son lev su,
ho strus gi, ho spass gi,
me son messa la giaca del bel,
le scarpe col tach;
son and a messa, ho ciap messa;
son and sul ponte a veder la bela C.
Ho incontr me moroso vecio, so fradel de Toni,
che el m'ha dito:
Ciao, Finarl, cossa fetu l?
Fo quel che fo!
Io ti bacerei, e mi baci".
"Ah bruto birbantagine!
Ander nel graneluccio
dove gh' un corteluccio,
che tanto tempo che non lo faccio molar,
e lo ander a 'mazzar". (***)

 
...e la traduzione

QUESTA MATTINA

Questa mattina mi sono alzata
ho spolverato, ho spazzato,
mi son messa la giacca elegante,
le scarpe col tacco;
sono andata a messa, ho preso messa;
sono andata sul ponte a vedere la bella C (*).
Ho incontrato il mio vecchio moroso, il fratello di Antonio
che mi ha detto:
"Ciao, Finarl (**), cosa fai l?"
"Faccio quel che faccio!"
"Io ti bacerei" e mi baci.
"Ah, brutto birbante!
Andr da mio padre
e glielo racconter".

Caro pap,
questa mattina mi sono alzata
ho spolverato, ho spazzato,
mi son messa la giacca elegante,
le scarpe col tacco;
sono andata a messa, ho preso messa;
sono andata sul ponte a vedere la bella C (*).
Ho incontrato il mio vecchio moroso, il fratello di Antonio
che mi ha detto:
Ciao, Finarl, cosa fai l?
Faccio quel che faccio!
Io ti bacerei e mi baci".
"Ah, brutto birbante!
Andr nel granaio
dove c' un coltello,
che tanto tempo che non lo faccio arrotare
e lo andr ad ammazzare. (***)

NOTE:

(*) Forse si tratta di forma contratta per indicare il fiume Adige.
(**) E' probabile che si tratti di soprannome o di appellativo affettuoso usato dall'ex fidanzato.
(***) Come commentava mia zia, il vecchio coltello arruginito in granaio, non affilato, non far male a nessuno.

(ricevuta da Giuseppe)

 
 
Un antico ritornello "scacciamale" in dialetto
ligure (da usare in caso di zuccate o di piccoli
traumi, per distrarre il bambino dal male,
consolandolo)

BZ DE B

Bz de b
bz de vacca
tutt u m
cu vagghe in ciassa
su nu ghe n'
mi ci gh ne nassce.

  

  

...e la traduzione

STERCO DI BUE

Sterco di bue,
sterco di mucca,
tutto il male vada in piazza.
Se non ce n',
mai pi ne nasca.

(ricevuta da Alma)

 
 
Una filastrocca ligure usata per sformare dallo
stampo le formine di sabbia bagnata con cui
si gioca sulla spiaggia da piccoli o per estrarre
dal secchiello le torri dei castelli di sabbia.
Si ripete tantissme volte, battendo sul
secchiello o sulla formina per far staccare la
"scultura" ed estrarla

CCC L'

Ccc l'
Ccc l'
famme l'vu
dunque te massu.

  

  

  
  

...e la traduzione

CCC L'

Ccc l'
Ccc l'
fammi l'uovo
dunque ti ammazzo.

(ricevuta da Alma)

 
 
La storia in dialetto padovano...

I GA'

I g ig i gai

 
...e traduzione

HANNO

Hanno legato i galli

(ricevuta da Angelo)

 
 
Filastrocca da recitare velocemente.

NONA BISNONA

Nona bisnona
I angei che sona
I preti che canta
Benedise l' Acqua Santa
Con le manine d'oro
Con le manine d'argento
Doman far bel tempo
Bel tempo vegnar
La Madona pasar
Pasar per un campo
Trover un bel Santo
Pasar par na ciesa
Impisar na candea
Per i vivi e per i morti
Per sti cento pater nostri
Ama Dio non fallire
La Madona ghe sa dire
Ghe sa dire ad alta voce
Ama Dio sulla croce
Sulla croce la colonna
Ama Dio la Madona
La Madona dei Santi
Ama Dio e tutti quanti
Tutti quanti la morte vien
Beati quei che fa del ben.

(ricevuta da Angelo)

 
 
La filastrocca in dialetto veneto...

LA BARETA

Vae fora par na stradeta
perde la bareta
Barufete l trovada.
Nol vol darme la bareta.
Fin che ghe n ghe dae late.
Vae da na vacheta.
No la vol darme late 
Fin che ghe n ghe dae fen
Vae da un pr
Parch el me dae fen
No vol darme fen
Fin che ghe n ghe dae falz.
Vae da un faoro
Parch el me dae falz
Nol vol darme falz
Fin che ghe n ghe dae lardo
Vae da n porzel
Parch el me dae lardo
Nol vol darme lardo.
Fin che ghe n ghe dae giande
Vae dan roro
Parch el me dae giande
Nol vol darme giande
Finche ghe n ghe dae vent
Vae par l de Trent
Toe n sac de vent
Vent ghe dae a roro
Roro me da giande
Giande ghe dae a porzel
Porzel me da lardo
Lardo ghe dae a faoro
Faoro me d falz
Falz ghe dae a pr
Pr me da fen
Fen ghe dae a vacheta
Vacheta me da late
Late ghe dae a Barufeta
Barufeta me d la me bareta
Ghe vol tre chili de saon
Par farla vignir neta.

 
...e la traduzione

IL BERRETTO

Percorro una stradina
perdo il berretto
Barufeta lo ha trovato,
non vuole darmi il berretto.
finch ne ho gli do latte. 
Vado da una mucca,
non vuol darmi latte
finch ne ho le do fieno.
Vado da un prato
perch mi dia fieno,
non vuol darmi fieno 
finch ne ho gli do falce.
Vado da un fabbro
perche mi dia la falce,
non vuol darmi la falce
finch ne ho gli do lardo.
Vado da un maiale
perch mi dia lardo
non vuol darmi il lardo
finch ne ho gli do le ghiande
Vado dalla quercia
perch mi dia le ghiande
non vuol darmi le ghiande
finch ne ho le do vento.
Vado di l di Trento
prendo un sacco di vento
Do il vento alla quercia
la quercia mi da le ghiande
do le ghiande al maiale
il maiale mi da il lardo
do il lardo al fabbro
il fabbro mi da la falce
do la falce al prato(taglio erba) 
il prato mi da il fieno
do il fieno alla piccola mucca 
la mucca mi da il latte
do il latte a Barufeta
Barufeta mi da il berretto
Servono tre chili di sapone
per pulirlo.

(ricevuta da Angelo)

 
 
Indovinelli in dialetto veneto...

Ont bisont
soto tera scont

Bon da magnar
difizie da catar.

 
...e le soluzioni

    - "Scioss"

    - "Nespola"

 
...la traduzione...

Unto bisunto
nascosto sotto terra

Buono da mangiare
difficile trovarlo.

 
...e le soluzioni

    - La lumaca

    - La nespola

(ricevuti da Angelo)

 
 
Una storiella in dialetto veneto...

VAE FORA PA 'N TROIET

Vae fora pa 'n troiet
cate 'n vecet
ghe pele la barba
ghe magne el culet.

 
...la traduzione...

PERCORRO UNA STRADINA

Percorro una stradina
trovo un vecchietto
gli faccio la barba
gli mangio il culetto. 

(ricevuta da Angelo)

 
 
Una filastrocca in dialetto veneto...

LA CONTA DELLE DITA

Co questo l' ciap (pollice)
co questo l' cop (indice)
co questo l' pel (medio)
co questo l' magn (anulare)
e sto poro picenin (mignolo)
no l' magn gnanca un tochetin.

 
...la traduzione...

LA CONTA DELLE DITA

Con questo l'ho preso (pollice)
con questo l'ho ucciso (indice)
con questo l'ho spellato (medio)
con questo l'ho mangiato (anulare)
e questo povero piccolino (mignolo)
non ha mangiato neanche un pezzettino.

(ricevuta da Angelo)

 
 
La filastrocca in dialetto della zona di Malo
(Alto Vicentino); si conta sulle dita di una
mano, partendo dal pollice

DEO DEOLIN

Deo deolin
campo marin
persego seco
corni de bco
ciub ciub ciub

  

   
...e la traduzione

DITO DITINO

Dito, ditino
campo marino
pesca secca
corni di caprone
ciub ciub ciub

(ricevuta da Gigi)

 
 
La filastrocca in dialetto della zona di Malo
(Alto Vicentino)

FRICHETE FROCHETE

Frchete frchete pan grat
damelo a mi che son mal
son mal de la malata
frchete frchete, prtela via

  

...e la traduzione

FRICHETE FROCHETE

Frchete frchete pane grattuggiato
dallo a me che son malato
son malato della malattia
frchete frchete, portala via

(ricevuta da Gigi)

 
 
La ninna nanna in dialetto friulano

FAS LA NANE IL MIO NININ

Fas la nane il mi ninn,
siere i voi e sta cidn;
se tu tasis, i agnolz
vegnin i dal cil turchn
a puartati un biel pipn.
Fas la nane bambint,
siere i voi, sta cuietut;
se tu vais, i agnui biei
scjampin vie come uciei;
siere, siere chei vogluz,
pon il cjaf sui tiei brazzuz.
Nine nane, su, sta bon,
ti darai ancje il bombon;
se tu duar's, un agult
al star sul to ietut
par scjaldati il petisn...
Sito...: al duar il pitinn!

(ricevuta da Luisa)

 
 
Una filastrocca in dialetto romagnolo...

LA IELLA PIU' NERA

Fughe paier
morte burdel
la Gianeina n' bunis
Serafein ha n' bugn n' tel cul
la Marietta ha un bugn n t na ciapa
per lazzidenti se tut fraid?

 
...e la traduzione...

LA IELLA PIU' NERA

A fuoco il pagliaio
morto il bambino
la Giannina non fa figli
Serafino ha un foruncolo nel sedere
la Marietta ha un foruncolo in una natica
accidenti siete tutti fradici?

(ricevuta da Marinella)

 
 
La ninna nanna in portoghese

MIAU

Atirei o pau no gato-to,
mas o gato-to
nao murreu-reu-reu.
Dona Xica-ca adimirosi-si,
o berro, o berro
que o gato deu: MIAU !!!

 
...e la traduzione...

MIAU

Ho tirato un legno al gatto,
ma il gatto
non morto.
Donna Xica si sorpresa,
l'urlo, l'urlo
che ha fatto il gatto: MIAU !!!

(ricevuta da Zaira)

 
 
La ninna nanna in dialetto friulano

DIN DIN, IL GNO NININ

Din din, il gno ninn
che la mame 'a al mulin,
il pap al a se
la massarie a riscjel,
il famei al ten la lum
e il gno ninn al mur di sium.

 
...e la traduzione...

DIN DIN, IL MIO PICCINO

Din din, il mio piccino
che la mamma al mulino,
il pap a segare
la domestica a rastrellare.
il servitore accende il lume
ed il mio piccino muore di sonno.

(ricevuta da Elisa)

 
 
La ninna nanna in dialetto friulano

NINA, NINA, PIPIN DI SCUNE

Nina, nana, pipin di scune,
t mari che ti a' ft a' si cunsume;
nina,nana,pipn di concje,
t mari che ti ft ti sta dongje;
nina,nana,pipin colone,
t mari che ti ft no ti bandone.

 
...e la traduzione...

NINA, NINA, PICCINO DI CULLA

Nina, nina, piccino di culla,
tua madre che ti ha fatto si consuma;
nina, nina, piccino di conca di legno
tua madre che ti ha fatto ti sta vicino;
nina, nina, piccino di colonna
tua madre che ti ha fatto non ti abbandona.

(ricevuta da Andrea)

 
 
La ninna nanna in dialetto toscano

NINNA NANNA TOSCANA

Nanna ieri, nanna ieri
e le sporte 'un son panieri,
e i panieri 'un son le sporte
e la vita 'un la morte 
e la morte 'un la vita ...
la canzone l' gi finita!

 
...e la traduzione...

NINNA NANNA TOSCANA

Nanna ieri, nanna ieri
e le sporte non son panieri,
e i panieri non son le sporte
e la vita non la morte 
e la morte non la vita ...
la canzone gi finita!

(ricevuta da Giacomo)

 
 
La ninna nanna in peruviano

ARRORO' MI NINO

Arror mi nino
arror mi sol,
arror pedazo de mi corazon.

ESTE NINO LINDO
NO QUIERE DORMIR,
CIERRA SUS OJITOS
Y LOS VUELVE A ABRIR.

Arror mi nino, 
arror mi sol,
arror pedazo de mi corazon.

ESTE NINO LINDO 
SE QUIERE DORMIR,
Y EL PICARO SUENO 
NO QUIERE VENIR.

 
...e la traduzione...

NINNA NANNA MIO BAMBINO

Ninna nanna mio bambino 
ninna nanna mio sole,
ninna nanna pezzo del mio cuore.

QUESTO BAMBINO BELLO
NON VUOLE DORMIRE,
CHIUDE I SUOI OCCHIETTI
E LI TORNA AD APRIRE.

Ninna nanna mio bambino
ninna nanna mio sole, 
ninna nanna pezzo del mio cuore.

QUESTO BAMBINO BELLO
VUOLE DORMIRE,
E IL SONNO DISPETTOSO
NON VUOLE ARRIVARE.

(ricevuta da Elena)

 

La ninna nanna in celtico

SUANTRI AN FHIOLAIR

Codligi codligi,
inn, inn...
Dormite, dormite,
uccellini, ucellini.
Dormite verso nord
e verso ovest
e attraverso i grandi fiumi,
fino a che si scoglieranno le nevi
dormite, dormite...
Seothin, seothin
inn, einn.

(ricevuta da Davide)

 

La ninna nanna di tradizione portoghese

CANCAO DE EMBALAR

Ges, sei tu che devi cullare il bambino,
finch sua madre lava i suoi panni 
al lavatoio di Betlemme.
Il mio bambino non ha scarpe.
Se qualcuno ci dar cuoio,
un altro i chiodi
e un terzo i lacci ,
gliele faremo un paio.
Vattene via, orco,
non hai niente da fare qui!
Lascialo dormire tranquillo!
Sono andata a cercare 
un p di fuoco a Betlemme.
Mi hanno detto che l non c'era nessuno,
ma ho visto il Santo Padre
recitare una Ave Maria.

(ricevuta da Beatrice)

 

La ninna nanna di tradizione indiana

DJO, DJO, DJO

Djo, djo, djo,
la culla in cui sei sdraiato, bambino,
coperta di diamanti e di rubini;
il materasso tutto di fiori.
Quattro corde tengono il cesto,
come i quattro Veda
ti sosterranno nel tuo avvenire

Veda = libri sacri dell'Induismo

(ricevuta da Alessandro)

 

La ninna nanna di tradizione giordana

HAA NANI

Haa nani, nani, nani...
mamma si prender cura di te,
io ti culler,
far tutto per te,
haa, nani, nani, nani.
Mamma ti seguir,
cresci,
tu che sei il mio 'ch'it'a-p'it i (agnellino),
haa, nani, nani, nani...

(ricevuta da Carol)

 

Filastrocca di origine abruzzese, per la precisione di Villalago (L'Aquila)

GUARDA LA LUNA

Guarda la luna
guarda le stelle
guarda maria
con tre pizzelle
una a me
una a te
una allu figl de bartulum

(di Ferdinando)

 
 
La ninna nanna in dialetto savonese...

FA' NAN
POPPON DE PESSA

Fa' nan poppon de pessa
che t mo a l' andta messa,
e t po piggi o perdon;
fa' nan bello poppon!

 
...e la traduzione...

FA' LA NANNA
BAMBOLOTTO DI PEZZA

F la nanna bambolotto di pezza
che tua mamma andata a messa
e tuo padre a prendere il perdono
fa' la nanna bel bambolotto.

(ricevuta da Davide)

 
 
La ninna nanna in dialetto savonese...

SAN GAITAN

San Gaitan mandghe o seunno
che o figgeu o n'ha de beseugno.
San Gaitan o ghe mandi
e o figgeu o s'addormi.

 
...e la traduzione...

SAN GAETANO

San Gaetano, mandagli il sonno
che il bambino ne ha bisogno
San Gaetano glielo mander
ed il bambino si addormenter.

(ricevuta da Davide)

 
  
Tenendo il bambino sulle ginocchia e
dondolandolo avanti e indietro, si
gioca in dialetto savonese...

GGA, GOGAGNA

Gga, gogagna,
Martin o l' anto 'n Spagna
fasciu 'nte 'na lasagna,
ligu 'nte 'n taggiarin...
Mi me mangio questo pansin!
[a sto ponto ch se fa o bolltigo a-o figgin]

 
 
 
...con questa traduzione...

GGA, GOGAGNA

goga gogagna
Martino andato in Spagna
fasciato in una lasagna
legato in un tagliolino
io mi mangio questo pancino!
[a questo punto si fa il solletico al bambino]

(ricevuta da Davide)

 
 
Una canzone in dialetto savonese...

CAREGHETTA D'O

Careghetta d'o
ch'a peisa ci che l'o,
l'o e l'argento,
ch'a peisa ci che o vento.
Vento venton
caccia l'ia o caregon!

  
...e la traduzione...

SEGGIOLINA D'ORO

Seggiolina d'oro
che pesa pi dell'oro
l'oro e l'argento
che pesa pi del vento.
Vento, ventone,
butta all'aria il seggiolone!

(ricevuta da Davide)

 
 
Una conta in dialetto savonese...

BIN BON BA

Bin bon ba
stocchefiscio e baccal.

  
...e la traduzione...

BIN BON BA

Bin bon ba
stoccafisso e baccal.

(ricevuta da Davide)

 
 
Una conta in dialetto veronese...

SOTO EL PONTE DE VERONA

Soto el ponte de Verona
gh' na vcia petarona
che la pela le patate
quanto al chilo?

  
...e la traduzione...

SOTTO IL PONTE DI VERONA

Sotto il ponte di Verona
c' una vecchia scoreggiona
che pela le patate
quanto al chilo?  

(ricevuta da Davide)

 
 
FILASTROCCA INDISPONENTE

Una filastrocca .....indisponente in piemontese
per far tirare il fiato ai nonni, se a corto di
fantasia. La nonna chiede:

L' 'na storia, bela.
Fa pias cuntla,
vo' chi te la cunta?

A questo punto se il nipotino risponde s,
la nonna dice: - Ma perch?
e ricomincia la tiritera: "l' 'na storia bela...."

Idem se il nipotino risponde no.

Quindi questa modalit destinata a fare
arrabbiare moltissimo i bambini, a fargli
sospirare il racconto, e a far tirare il fiato ai
nonni, se a corto di fantasia.

(ricevuta da Rosanna)

   
  

  
  
  

E' una storia bella.
Fa piacere raccontarla.
Vuoi che te la racconti?

 
 
E un gioco che si fa tenendo il bambino sulle
ginocchia e facendolo ballare ritmicamente,
sempre pi veloce. In dialetto savonese...

QUELLA DE PEIE

Fela ball ca l quella de peie,
fela ball che de peie a ghe nha :
ghe nha na sporta sutta u letu,
a ghe nha nerbu sutta ca.

  
  
  
...e la traduzione...

QUELLA DELLE PERE

Fatela ballare che quella delle pere,
fatela ballare - di pere ne ha :
ne ha una sporta sotto il letto,
ne ha un albero sotto la casa.

(ricevuto da Adriana, Liliana e Marcella)

 
 
Filastrocca in dialetto savonese...

S. LUCIA

Sci pa stradda suleggi
ca custezza u nostru m
u gh na vegia cappelletta
dedic a Santa Lusia.
U l in mundu dallegria
a l a fsta di figgi
che laspetan ben de c.
Curan, rian, se dan runsui
e de votte scupassui.

La poesiola continua con una seconda strofa che non riusciamo a ricordare. C qualche vecchio savonese che ci pu aiutare ?

  
...e la traduzione...

S. LUCIA

Su per la strada soleggiata
che costeggia il nostro mare
c una vecchia cappelletta
dedicata a Santa Lucia.
E un mondo dallegria
la festa dei bambini
che laspettano volentieri.
Corrono, gridano, si danno spintoni
e a volte anche scappellotti.

 

(ricevuta da Adriana, Liliana e Marcella)

 
 
Filastrocca in dialetto savonese...

5 E 50

Cinque e cinquanta,
tutto il mondo canta, 
canta il gallo, 
risponde la gallina,
madama Teresina
si affaccia alla finestra
con tre colori in testa.
Bianca Maria,
cosa fai in questa via,
aspetto il mio pap
che cosa porter?

Scarpe, scarpette, pendin e anelette,
anellette peu spessi
cu l in lettu cu sta m
u lha fetu in figgiu masciu
e u lha purt a battezz.
Deghe sci cu vegne u m 
u m u l buon pe i pesci
deghe sci cu vegne i tedeschi
i tedeschi cui barbixi
deghe sci cu vegne i sbiri
i sbiri cua sciupetta
deghe sci cu vegne a Ninetta
a Ninetta a taggia u gran
deghe sci cu vegne u can
u can u scappa via
tutta a foua a l finia.

  
...e la traduzione...

5 E 50

Cinque e cinquanta,
tutto il mondo canta, 
canta il gallo, 
risponde la gallina,
madama Teresina
si affaccia alla finestra
con tre colori in testa.
Bianca Maria,
cosa fai in questa via,
aspetto il mio pap
che cosa porter?

Scarpe, scarpette, orecchini e anellini
anellini per il droghiere
che a letto e sta male.
Ha fatto un figlio maschio
e lha portato a battezzare.
Dateci su che viene il mare
il mare buono per i pesci
dateci su che vengono i tedeschi
i tedeschi coi baffi
dateci su che vengono gli sbirri
gli sbirri col piccolo fucile
dateci su che viene la Ninetta
la Ninetta taglia il grano
dateci su che viene il cane.
Il cane scappa via
tutta la favola finita.

(ricevuta da Adriana, Liliana e Marcella)

 
 
Filastrocca in dialetto savonese...

VAGGU IN TE LORTU

Vaggu in te lortu
ghe trovu un gattu mortu,
ghe piggiu na sampetta,
ghe fassu na trumbetta.

Vaggu in sceu punte
u ventu mea rumpe 
vaggu dau ferr
a famela cumud.

U ferr u nu ghea
a ghea s mugg
ca fova i tagiarin
a me nha detu un cuggiarin.

Vaggu dau preve piccin
cu me d un guttin de vin,
vaggu dau preve grossu
cu me d na bacc in te lossu.

  
...e la traduzione...

VADO NELLORTO

Vado nellorto
ci trovo un gatto morto
gli prendo una zampetta
ci faccio una trombetta.

Vado sul ponte
il vento me la rompe
vado dal fabbro
a farmela aggiustare.

Il fabbro non cera
cera sua moglie 
che faceva i tagliatellini
me nha dato un cucchiaino.

Vado dal prete piccolo
che mi d un biccherino di vino
vado dal prete grosso
che mi d una bastonata nellosso.

(ricevuta da Alma)

 
 
Filastrocca in dialetto savonese...

A FOUA DU BESTEBTU

A foua du Bestentu
ca da da lungu tempu
ti v che tea cunte? Sc o n?

A fronte di ogni tipo di risposta,
la filastrocca ricomincia daccapo.

Ma cumme, sa l a foua du Bestentu....

  
...e la traduzione...

LA FAVOLA DI BESTENTU

La favola di Bestentu
che dura da lungo tempo
vuoi che te la racconti? S o no?

A fronte di ogni tipo di risposta,
la filastrocca ricomincia daccapo.

Ma come, se la favola di Bestentu.....)

(ricevuta da Chiara, Carla e Carla R.)

 
 
Filastrocca in dialetto savonese...

U CIOVE U BAIXINNA

U ciove u baixinna
u gattu u l in cuxinna
i ommi su aa guera
e donne sun pe tera.

  
...e la traduzione...

PIOVE PIOVVIGGINA

Piove piovviggina,
il gatto in cucina,
gli uomini sono in guerra
le donne sono per terra.

(ricevuta da Chiara, Carla e Carla R.)

 
 
Filastrocca in dialetto savonese...

MARIA

Maria, a pansa te cria,
u c u te sciga,
Maria a l na scigna !

  
...e la traduzione...

MARIA

Maria, la tua pancia grida
il tuo sedere fischietta
Maria una signora!

(ricevuta da Chiara, Carla e Carla R.)

 
 
Canto di montagna in dialetto veneto...

ME COMPARE GIACOMETO

Me compare Giacometo
el ghaveva un bel galeto
quando canta aperse il beco 
che fa proprio inamorar.

E quando canta, canta, canta, 
aperse il beco, beco, beco,
che fa proprio, proprio, proprio
innamorar!!!

Ma un bel giorno la parona
per far festa agli invitati
la ghe tira il colo al galo
e lo mette a cusinar.

E la ghe tira, tira, tira, 
il colo al galo, galo, galo, 
e lo mette, mette, mette 
a cusinar.

Le galine tute mate,
per la perdita del galo
le ghha rotto anche l polaro
dalla rabia che ghe fa.

E la ghha rotto, rotto, rotto,
anche il polaro, laro, laro, 
dala rabia, rabia, rabia, 
che ghe fa.

Me compare Giacometo
el ghaveva un bel galeto
quando canta aperse il beco 
che fa proprio inamorar.

  
...e la traduzione...

IL MIO AMICO GIACOMETTO

Il mio amico Giacometto 
possedeva un bel galletto 
quando cantava apriva il becco 
che faceva innamorar.

E quando cantava, quando cantava, 
apriva il becco, apriva il becco, 
che faceva, che faceva
innamorar. 

Ma un bel giorno la padrona 
per far festa agli invitati 
tira il collo al gallo 
e lo mette a cucinar.

Essa tira tira tira 
il collo al gallo gallo gallo 
e lo mette mette mette 
a cucinar.

Le galline tutte matte 
per la perdita del gallo 
le hanno rotto anche il pollaio 
dalla rabbia che gli fa.

Le hanno rotto, rotto, rotto, 
anche il pollaio, anche il pollaio 
dalla rabbia, rabbia, rabbia 
che gli fa.

Il mio amico Giacometto 
possedeva un bel galletto 
quando cantava apriva il becco 
che faceva innamorar. 

(ricevuta da Alma)

 
 
Ninna nanna in dialetto savonese...

FA NANIN, FA NANA

Fa nanin, fa nan,
pupunin du pap, 
du pap e da mam
e de tutti quei de ca.

  
...e la traduzione...

FA' NINNETTA, FA' LA NANNA

Fa ninnetta, fa la nanna,
bambolotto del pap.
Di pap e di mamm
e di tutti quelli di casa.

(ricevuta dal Signor Giorgio)

 
 
Ninna nanna in dialetto savonese...

NINNA NANNA,
STAMME QUETU

Ninna nanna, stamme quetu,
cosu cu, nu f u sapin ;
sra i euggi, dormi, angietu,
fa a nan, bellu banbin ;
angiu bellu du Segnu,
dormi fin che u spunte u su, 
angiu bellu de mam, 
nanna nanna, nanna na.
(variante: ninna nanna, ninna na)

Sta chi a-u cdu in ta teu cna
cumme in oxelin da nu ;
ninna nanna, cosa buna,
mi respiu cu teu respiu,
ti t a sciua du m giardin,
ti de laete in seggelin
e u demulu da mam
nanna nanna, nanna na.
(variante: ninna nanna, ninna na)

  
...e la traduzione...

NINNA NANNA,
STAMMI QUIETO

Ninna nanna, stammi quieto,
cosina cara, non fare il broncio ;
chiudi gli occhi, dormi, angioletto,
fa la nanna, bel bambino ;
angelo bello del Signore
dormi fin che spunti il sole,
angelo bello della mamma,
nanna nanna, nanna na.
(variante: ninna nanna, ninna na)

Sta qui al caldo nella tua culla
come un uccellino nel nido ;
ninna nanna, cosina buona, 
io respiro col tuo respiro,
tu sei il fiore del mio giardino, 
tu sei un secchiellino di latte
e il giocattolo della mamma,
nanna nanna, nanna na.
(variante: ninna nanna, ninna na)

(ricevuta dal Signor Giorgio)

 
 
Ninna nanna in dialetto loanese...

DORMI, CUNBU

Dormi, cunbu,
se ti te veu indurm ;
reuze i sun de mrsu (variante: mazzu)
i pummi sun darv.

Dormi, cunbu,
dormite, u m am :
dai p u t lxe a lna,
da testa ti ghae u su.

  
...e la traduzione...

DORMI, COLOMBO

Dormi, colombo,
se ti vuoi addormentare ;
le rose sono di marzo (variante: maggio)
i boccioli sono di aprile.

Dormi, colombo, 
addormentati, il mio amore : 
dai piedi ti risplende la luna,
alla testa hai il sole.

(ricevuta dal Signor Giorgio)

 
 
Filastrocca-gioco in dialetto savonese...

DIU MARMELLU

Si fa con le dita della mano dei pi piccoli.
Partendo dal mignolo,
facendo il solletichino sulla punta
o premendo il polpastrello del ditino,
si dice:

Diu marmellu
diu spusellu
lungu de spa'
sciacca u pigoggiu
caccilu in ma'

  
   

 

 
 
 
 
si indica:

il mignolo
l'anulare, dove si tiene l'anello da sposa
il medio, il pi lungo - "lungo di spada"
l'indice - "schiaccia il pidocchio"
il pollice - "buttalo in mare"

(ricevuta da Graziella)

 
 
Scioglilingua in dialetto barese...

CE NGE N'HAM'A SCI'

Ce nge n'ham'a sc,
sciamannne;
ce no nge n'ham'a sc,
no nge ne sime scnne.

  
...e la traduzione...

SE CE NE DOBBIAMO ANDARE

Se ce ne dobbiamo andare,
andiamocene;
se non ce ne dobbiamo andare,
non ce ne andiamo.

(ricevuto da Giovanni)

 
 
Indovinello in dialetto savonese...

VAGGU OTU

Vaggu otu cumme in palassu
cazzu in tera e nu me massu
cazzu in tu mo e me fracassu

  
...e la traduzione...

VADO ALTO

Vado alto come un palazzo
cado in terra e non mi ammazzo
cado in mare e mi rompo

(ricevuta da Valeria ed Elda)

risposta: la carta

 
 
Filastrocca in dialetto piemontese...

PICCININ CAGA'

Piccinin caga' in tle braje
la sa mama l'ha lavaje
l'ha lavaje d'vulente'
Piccinin turna' a caghe'.

  
...e la traduzione...

PICCININ HA FATTO LA POPO'

Piccinin ha fatto la popo' nei pantaloni
la Sua Mamma li ha lavati
li ha lavati volentieri
Piccinin ha di nuovo fatto la popo'.

(ricevuta da Alma)

 
 
Poesia in dialetto savonese...

A NASCIUN DU BAMBIN

Ti savessi moi, Beppin,
dunde sun stetu stamattin.
Sun stetu in te na grotta
sensa teitu e sensa votta, 
ma a lea tantu illumino
cha nu se pureiva mancu mio.
In ten cantu u ghea in umettu
appuggiou a n bastunettu ;
in po ciu in la u ghea na dunetta
cha pareiva na santetta.
In mesu a lu, in figgio de nasciun
cu metteiva cumpasciun.
Der me sentu crio :
Inzenuggite, piccin,
nu ti veddi li u Bambin ?
Me inzenuggiu e due ninsoe
ghe cacciu in te fascioe.
Le u mha fetu in bellu surrisu
cu me pareiva dese in paradisu.

  
...e la traduzione...

LA NASCITA DEL BAMBINO

Sapessi mai, Beppino,
dove sono stato stamattina.
Son stato in una grotta
senza tetto e senza volta
ma era tanto illuminata
che non si poteva neanche guardare.
In un angolo cera un omino
appoggiato a un bastoncino
un po piu in la cera una donnina
che pareva una santina.
In mezza a loro un bambino appena nato
che faceva impressione (letteralmente : compassione).
Mi sento gridare da dietro :
Inginocchiati, piccino ;
non vedi li il Bambino ?
Minginocchio 
e gli metto due nocciole*** nelle fasce.
Lui mi ha fatto un cos bel sorriso
che mi sembrava dessere in Paradiso.

***Le nocciole erano un tempo simbolo di ricchezza e prosperita. Nelle famiglie povere venivano utilizzate per addobbare lalbero di Natale e fungevano contemporaneamente anche da regalo per i Bimbi.

(ricevuta da Carla e Valeria)

 
 
Poesia in dialetto comacchiese (Ferrara)...

MADUNINA

Madunina del Signau,
fa ca vian fuar al saul
fa ca vian fuara prest
a t'al l ca spunt'adess!

  
...e la traduzione...

MADONNINA

Madonnina del Signore
fa che venga fuori il sole
fa che venga fuori presto
eccolo l che spunta adesso!

(ricevuta da Alyssa)

 

Ninne Nanne Filastrocche Le conte
Scioglilingua Storielle I giochi

Ritorna alla pagina delle favole per i pi piccini

Ritorna alla pagina delle favole dei visitatori

Ritorna alla pagina principale